PNRR, ministro Colao (Transizione digitale): proseguono incentivi industria4.0

Giovedì, 18/03/2021 alle ore 16:50
PNRR, ministro Colao (Transizione digitale): proseguono incentivi industria4.0

Digitale per inclusione e coesione territoriale, nuovo modello di impresa e una pubblica amministrazione vicina ai cittadini. Obiettivi ambiziosi quelli del ministro per la Transizione digitale Vittorio Colao che, in audizione oggi nelle commissioni riunite Trasporti della Camera e Bilancio, Lavori pubblici e Politiche Ue del Senato, ha presentato la propria relazione sui contenuti della bozza finale del Piano nazionale di ripresa e resilienza.

"Nel Pnrr, così come indicato dalla Commissione europea, almeno il 20% dei fondi deve essere destinato alla trasformazione digitale", ha esordito il ministro, "nella bozza attualmente allo studio la dotazione sarà considerevolmente superiore". La trasformazione digitale, ha ricordato, "non riguarda un solo ministero, ma è una missione trasversale: per questo abbiamo istituito un comitato interministeriale al quale partecipa il mio dicastero insieme a quello dell'Economia, dello Sviluppo economico e delle Infrastrutture".

Tra le aree di intervento di cui ha parlato il ministro:

Inclusione sociale e banda larga

"Il primo obiettivo è ammodernare l'infrastruttura digitale del nostro Paese in maniera uniforme", ha detto Colao, "abbiamo un serio problema di copertura di banda ultralarga che raggiunge meno del 34% delle famiglie italiane, mentre sono 10 milioni le famiglie che non hanno attiva nessuna offerta di accesso a rete". Questo, ha denunciato, "è inaccettabile perché motivo di esclusione all'accesso alla formazione e al mondo del lavoro, aumentando il divario territoriale esistente tra le varie regioni del Paese". Bisogna quindi, a detta di Colao, sviluppare la rete di banda ultralarga, 5G e velocità 1gb/s anche per le aree interne, rurali ed isole. In tema di facilitazione di accesso a digitale, ha dichiarato Colao, "si può cominciare dando maggiore sostegno a quelle esperienze regionali di successo provenienti dal terzo settore, aiutandole a espandere loro bacino di utenza".

Imprese e Transizione 4.0

"Nel Pnrr si continuerà anche sulla strada degli incentivi all'Industria 4.0, promossi in stretta collaborazione con il Mise", ha assicurato Colao, "investendo nella crescita e incentivando la produttività, sia con la creazione di hub fisici ad alto carattere tecnologico, sia con spazi di sperimentazione nuovi che possano godere di maggiore agilità normativa". La transizione digitale sta investendo la nostra società, ha continuato, "e rappresenta un fondamentale cambiamento di approccio all'impresa: bisogna sfruttare la riduzione dei tempi e dei costi per la creazione di nuovi modelli di business".

Sanità e scuola 

"La pandemia ha mostrato che fornire il Paese di strutture ospedaliere di prossimità è di importanza strategica", ha sottolineato il ministro, "e in questo senso la digitalizzazione è fondamentale per uno strumento come la telemedicina, per migliorare i percorsi di cura e le prestazioni a servizio dei cittadini". "Con il ministro Speranza stiamo inoltre mettendo a punto una serie di iniziative, tra cui il perfezionamento e l'armonizzazione del fascicolo sanitario elettronico: è un punto molto importante sul quale vogliamo procedere in maniera decisa". Sul fronte della scuola, ha concluso il ministro, "la digitalizzazione deve partire con la dotazione di una rete a banda larga a tutti gli istituti del Paese, promuovendo anche il potenziamento degli ITS (Istituti tecnici superiori), per formare figure professionalizzanti per le imprese".