Innovazione tecnologica – pubblicate le deleghe del ministro Colao

Martedì, 02/03/2021 alle ore 16:33
Innovazione tecnologica – pubblicate le deleghe del ministro Colao

In vigore da ieri il decreto legge che modifica le deleghe dei ministeri, pubblicato sulla Gazzetta ufficiale oggi in edicola: il testo, che sarà ora trasmesso alle Camere per la conversione in legge, era stato approvato venerdì scorso dal Consiglio dei ministri e trasforma il ministero dell'Ambiente in ministero della Transizione ecologica, il ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti in ministero delle Infrastrutture e della mobilità sostenibile; separa il ministero dei Beni culturali in ministero della Cultura e ministero per il Turismo; individua le deleghe del ministro per l'Innovazione e la transizione digitale. 

L'articolo 8, in particolare, detta le funzioni del ministro delegato per l’innovazione tecnologica e la transizione digitale (Vittorio Colao) e istituisce il Comitato interministeriale per la transizione digitale; Colao si occuperà di promuovere, indirizzare, coordinare l’azione del governo nelle materie dell’innovazione tecnologica, dell’attuazione dell’agenda digitale italiana ed europea, della strategia italiana per la banda ultra larga, della digitalizzazione delle pubbliche amministrazioni e delle imprese, della trasformazione, crescita e transizione digitale del Paese, in ambito pubblico e privato, dell’accesso ai servizi in rete, della connettività, delle infrastrutture digitali materiali e immateriali e della strategia nazionale dei dati pubblici.

Il Comitato è composto dal presidente del Consiglio che lo presiede e dal ministro delegato per l’innovazione tecnologica e la transizione digitale, dal ministro per la Pubblica amministrazione, da quello per il Sud, dal ministro dell’Economia, dal ministro della Transizione ecologica, dal ministro dello Sviluppo economico, dal ministro della Salute, della Cultura e delle Infrastrutture: in seno al comitato sono assunte le decisioni strategiche necessarie a garantire la coerente e puntuale declinazione della strategia nazionale per la transizione digitale. Presso il ministero opererà anche un contingente di 25 manager della PA e 35 fuori dalla PA in possesso di specifica ed elevata competenza nello studio, supporto, sviluppo e gestione di processi di trasformazione tecnologica e digitale.